lunedì 6 febbraio 2012

DIY: come riciclare le bustine di te, tisana o infusi per fare l'henné


Beh, questo non è un vero e proprio cazzeggio creativo, ma è comunque un DO IT YOURSELF perché vi suggerisco un modo semplice semplice per riciclare le bustine di té, di tisana o di altri infusi che ormai sono scaduti e non possono essere più tracannati. Ovviamente, la carta dell'involucro è finita nel cesto del riciclo, mentre le bustine di infuso le ho usate per fare il risciacquo dei capelli, dopo essermeli impiastricciati per bene con l'henné. Siccome la domenica mi riduco a fare tutto quello che non ho potuto fare in settimana, ieri ne ho approfittato per rifarmi il colore: da quando ho smesso di usare le tinte chimiche devo preventivare attentamente quando fare il colore perché l'henné richiede una preparazione abbastanza lunga, ma io lo consiglio vivamente a tutte le donne che vogliono colorarsi i capelli in modo naturale e senza spendere una fortuna.

Intanto gli ingredienti:
  1. l'henné (io uso il rosso intenso, credo sia lawsonia)
  2. miele
  3. aceto di mele (va bene anche quello di vino, ma puzza moltoooo di più)
  4. una ciotola di plastica
  5. un cucchiaio di legno
  6. pellicola trasparente
  7. infuso a volontà





Il primo passo è mettere l'henné nella ciotola di plastica usando un cucchiaio di legno, poi versarci l'aceto per farlo ossidare: basterebbe lasciarlo riposare una notte, ma io per sicurezza ce lo lascio due (in pratica l'ho preparato venerdì). Questa è la parte più semplice perché basta dare una mescolata fino ad ottenere una pastella compatta e poi si lascia riposare avvolto nella pellicola.





Il difficile dell'henné come dicevo non è la preparazione in sé, ma la sua applicazione sulla chioma perché più lunghi sono  i capelli più tempo ci vuole e più si sporca. Quando l'impasto ha riposato due giorni è pronto per essere usato: io aggiungo un po' di miele (per nutrire i capelli e ammorbidire la pastella), mentre alcune ragazze preferiscono aggiungere lo yogurt bianco che fa anche da balsamo. Una volta applicato in testa avvolgere la cofana con la pellicola trasparente (vi risparmio la visione, ma più o meno sembravo questo), lasciare in testa per un'ora e poi finalmente risciacquare con il mitico infuso. Io ho usato 3 bustine di infuso al mirtillo e ai frutti misti che da un colore rosso intenso, ma è possibile usare anche il té normale o addirittura la camomilla o il caffé, a discrezione. Dopo il risciacquo l'odore dell'aceto sarà completamente scomparso e i capelli saranno magnifici. Per chi se lo stesse chiedendo, l'henné copre i capelli bianchi, ma io ne ho davvero pochi quindi non saprei dire se funziona bene anche con chi ne ha molti: l'unico modo per scoprirlo è fare un tentativo anche perché l'henné costa poco (per 100 g ho speso 3 euro, quindi sicuramente meno di una tinta commerciale o della parrucchiera). La durata del colore in testa dipende dalla frequenza dei lavaggi, ma per quanto mi riguarda ho potuto constare che il primo accenno di ricrescita appare dopo un mesetto, quindi provate, provate, provate! E riciclate quello che vi è possibile, per esempio il contenuto delle bustine di infuso (le foglie) invece di essere buttato può essere usato come fertilizzante per le piante.

Lo so, è una cacchiata di DIY ma spero di esservi stata utile.

1 commento:

  1. Non lo sapevo! Utile senz'altro, non vedo l'ora di provare

    RispondiElimina

Lettori fissi

Un piccolo spazio dove poter raccogliere le mie fotografie e i miei disegni. Tutte le immagini (dove non altrimenti specificato) sono da ritenersi di mia proprietà.


DI TUTTO UN PO'...